La tassa sulla barba

di Skatz

La tassa sulla barba

| mercoledì 05 Set 2018 - 00:01
La tassa sulla barba

5 settembre 1698 – In un tentativo di occidentalizzare il suo popolo allontanandolo dalle antiche tradizioni asiatiche, lo Zar di Russia Pietro il Grande impone una tassa sulla barba: tutti gli uomini, eccetto sacerdoti e contadini, per portare la barba devono pagare una cifra variabile in base al reddito.

Lo stesso Pietro rase i suoi nobili con un’ascia sul palco delle esecuzioni del boia; l’uso del patibolo come “teatro” della cerimonia serviva a far capire quanto lo zar facesse sul serio. I contadini, come detto, erano esentati, ma fin tanto che rimanevano nelle campagne: ogni volta che entravano in città dovevano versare un copeco.

Il pagamento veniva certificato con una sorta di ricevuta in metallo (detta appunto “gettone della barba”) da tenere rigorosamente in tasca per essere esibita a ogni controllo, pena l’immediata rasatura sul posto da parte delle guardie. Si trattava di una moneta di rame o d’argento con impressa su un lato un’aquila bicipite e sull’altro la parte inferiore di un volto con naso, bocca, baffi e barba (foto); sul gettone erano incise anche due frasi: “L’imposta sulla barba è stata pagata” e “La barba è un peso superfluo”.

Visto Sul Web - Voci e immagini della tragica Commedia Umana
Almanacco per voci e immagini: informazione, curiosità e divertimento

Visto Sul Web è privo di periodicità fissa, è edito in proprio, non richiede contributi pubblici.
Pertanto è solo una espressione del libero pensiero, ai sensi dell’art. 21 della Costituzione Italiana, non è soggetto alle norme sulla stampa previste dalla legge n. 47/1948.
Le foto pubblicate sono state selezionate tra quelle non coperte da copyright.
Qualora, tra le foto utilizzate dovesse essercene qualcuna tutelata da diritti d'autore contattateci via mail e provvederemo immediatamente ad eliminarla.
Visto sul web fondato il 1 Aprile 2017
vistosulweb@gmail.com - m.me/vistosulweb