Seveso e la nube di diossina

di Jack Sentenza

Seveso e la nube di diossina

| mercoledì 10 Lug 2019 - 00:01

10 luglio 1976 – Nello stabilimento della società ICMESA a Seveso, in bassa Brianza, un reattore chimico destinato alla produzione di triclorofenolo (componente di diversi diserbanti) va in avaria e la temperatura sale oltre i limiti previsti.

L’esplosione del reattore viene evitata grazie all’apertura delle valvole di sicurezza, ma l’alta temperatura raggiunta causa una massiccia formazione di diossina, una tra le sostanze chimiche più tossiche. La popolazione dei comuni colpiti, così come il resto degli italiani, viene però informata della gravità dell’evento solamente otto giorni dopo la fuoriuscita della nube: 676 persone vengono sfollate, altre 240 colpite da dermatosi provocata dal cloro.

Gli effetti sulla salute generale degli abitanti dell’area sono ancora oggi oggetto di studi.

Visto Sul Web - Voci e immagini della tragica Commedia Umana
Almanacco per voci e immagini: informazione, curiosità e divertimento

Visto Sul Web è privo di periodicità fissa, è edito in proprio, non richiede contributi pubblici.
Pertanto è solo una espressione del libero pensiero, ai sensi dell’art. 21 della Costituzione Italiana, non è soggetto alle norme sulla stampa previste dalla legge n. 47/1948.
Le foto pubblicate sono state selezionate tra quelle non coperte da copyright.
Qualora, tra le foto utilizzate dovesse essercene qualcuna tutelata da diritti d'autore contattateci via mail e provvederemo immediatamente ad eliminarla.
Visto sul web fondato il 1 Aprile 2017
vistosulweb@gmail.com - m.me/vistosulweb