Rocco Chinnici, il padre del Pool Antimafia

di Jack Sentenza

Rocco Chinnici, il padre del Pool Antimafia

| giovedì 29 Lug 2021 - 00:01

29 luglio 1983 – Un commando formato da Vincenzo Galatolo della famiglia dell’Acquasanta, Nino Madonia, figlio del capomandamento di Resuttana, Stefano Ganci della famiglia della Noce e Giovanni Brusca, aziona il detonatore che provoca l’esplosione di una Fiat 126 imbottita con 75 kg di esplosivo davanti all’abitazione del Capo dell’Ufficio Istruzione di Palermo Rocco Chinnici.

È la prima volta che Cosa Nostra usa un’autobomba; alcuni quotidiani titoleranno “Palermo come Beirut”.

Insieme al magistrato, ideatore del Pool Antimafia, perdono la vita il maresciallo dei carabinieri Mario Trapassi, l’appuntato Salvatore Bartolotta e il portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi.

I mandanti saranno condannati in via definitiva quasi 20 anni dopo: fu l’intera “cupola” (Totò Riina soprattutto) a decidere l’eliminazione del giudice, anche su pressioni ricevute dai cugini Nino e Ignazio Salvo.

Visto Sul Web - Voci e immagini della tragica Commedia Umana
Almanacco per voci e immagini: informazione, curiosità e divertimento

Visto Sul Web è privo di periodicità fissa, è edito in proprio, non richiede contributi pubblici.
Pertanto è solo una espressione del libero pensiero, ai sensi dell’art. 21 della Costituzione Italiana, non è soggetto alle norme sulla stampa previste dalla legge n. 47/1948.
Le foto pubblicate sono state selezionate tra quelle non coperte da copyright.
Qualora, tra le foto utilizzate dovesse essercene qualcuna tutelata da diritti d'autore contattateci via mail e provvederemo immediatamente ad eliminarla.
Visto sul web fondato il 1 Aprile 2017
vistosulweb@gmail.com - m.me/vistosulweb
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com