La calda voce di Tokyo Rose

di Rossella Carli

La calda voce di Tokyo Rose

| sabato 05 Set 2020 - 00:01
La calda voce di Tokyo Rose

5 settembre 1945 – Iva Toguri D’Aquino, nippo-americana sospettata di essere “Tokyo Rose”, la più famosa voce radiofonica della propaganda giapponese, viene attirata in una trappola organizzata dall’FBI in combutta con due giornalisti di Cosmopolitan e arrestata per alto tradimento a Yokohama.

Durante la guerra, la sua trasmissione “The Zero Hour” aveva avuto chiaramente lo scopo di demoralizzare i soldati americani, così come molti altri analoghi programmi in inglese; ma la sua conduzione e soprattutto la sua voce dolce e rassicurante avevano reso “la più amichevole nemica” un vero e proprio mito tra le forze statunitensi, tanto che molti prigionieri di guerra americani e australiani testimonieranno in suo favore, assicurando che Iva non aveva di fatto commesso alcun illecito.

Al termine del processo, Tokyo Rose sarà comunque condannata a 10 anni di reclusione. Anni dopo, il cronista Ronald Yates del Chicago Tribune scoprirà che i due testimoni-chiave dell’accusa avevano spergiurato: l’FBI li aveva costretti a fornire false dichiarazioni, minacciandoli di arresto in caso contrario.

Appurata la verità, Gerald Ford concederà a Iva il perdono presidenziale nel 1977.

Visto Sul Web - Voci e immagini della tragica Commedia Umana
Almanacco per voci e immagini: informazione, curiosità e divertimento

Visto Sul Web è privo di periodicità fissa, è edito in proprio, non richiede contributi pubblici.
Pertanto è solo una espressione del libero pensiero, ai sensi dell’art. 21 della Costituzione Italiana, non è soggetto alle norme sulla stampa previste dalla legge n. 47/1948.
Le foto pubblicate sono state selezionate tra quelle non coperte da copyright.
Qualora, tra le foto utilizzate dovesse essercene qualcuna tutelata da diritti d'autore contattateci via mail e provvederemo immediatamente ad eliminarla.
Visto sul web fondato il 1 Aprile 2017
vistosulweb@gmail.com - m.me/vistosulweb