Piersanti Mattarella: l’onestà e il coraggio

di Jack Sentenza

Piersanti Mattarella: l’onestà e il coraggio

| domenica 06 Gen 2019 - 00:01

6 gennaio 1980 – A Palermo, durante la Seconda guerra di mafia, Cosa Nostra uccide il presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella.

Adepto di La Pira e seguace di Aldo Moro, Mattarella aveva apertamente sfidato il potere mafioso, trovando un valido appoggio nell’avversario comunista Pio La Torre, che verrà assassinato due anni più tardi.

Per l’omicidio del Presidente, l’intera Cupola mafiosa sarà condannata nel 1995: proprio nel corso di questo processo verranno a galla i legami tra Cosa Nostra e un altro noto democristiano, Giulio Andreotti.

COMMENTA

ARTICOLI CORRELATI

Visto Sul Web - Voci e immagini della tragica Commedia Umana
Almanacco per voci e immagini: informazione, curiosità e divertimento


Visto sul web fondato il 1 Aprile 2017
vistosulweb@gmail.com - m.me/vistosulweb